×

Attenzione

Per l'estensione Akeeba Backup Core package è disponibile la versione 8.0.6 , ma richiede almeno una versione di PHP 7.2 mentre il tuo sistema ha solamente la 5.5.38
Per l'estensione Akeeba Backup Core package è disponibile la versione 7.4.0.1 , ma richiede almeno una versione di PHP 7.1 mentre il tuo sistema ha solamente la 5.5.38
Per l'estensione Akeeba Backup Core package è disponibile la versione 7.1.4 , ma richiede almeno una versione di PHP 5.6 mentre il tuo sistema ha solamente la 5.5.38

Tokaji

 

tokaji

Luigi XIV lo definì “re dei vini, vino dei re”, gli Zar di Russia se ne assicurarono una fornitura vitalizia, non mancava mai sulle tavole dei pontefici romani: il Tokaji ha il vanto di aver messo d'accordo papi e sovrani d'ogni tempo.

A 200 km da Budapest, nella più antica regione vitivinicola ungherese, la Tokaj-Hegyalja, si produce il Tokaji Aszù, vino botritizzato simbolo dell'Ungheria.

Appena 28 villaggi sparsi tra pendii collinari, sui resti di antichi vulcani, terreno sabbioso e argilloso ricco di potassio, ideale per la vite: ecco il territorio su cui nasce il Tokaji.
Ma sono le escursioni termiche e le nebbie dovute alla vicinanza dei fiumi Bodrog e Tisza a dare vita al microclima perfetto per innescare l'azione della botrytis cinerea e favorire l'appassimento in pianta delle uve.

Il furmint, vitigno principe nella produzione del Tokaji (harslevelu e muscat lunel sono usati in percentuali inferiori al 5%) ha buccia spessa, ottima acidità, spiccata aromaticità ed è sensibile all'attacco della muffa nobile: dai suoi grappoli appassiti e quasi tutti botritizzati si ottiene il Tokaji Aszù.

Un vino che vanta una tradizione pluricentenaria e che oggi, dopo un periodo buio, sta ritrovando la sua identità.

 

Attorno al punto di confluenza dei fiumi Bodrog e Tibisco, sui pendii dei Monti Zemplén, si stendono i seimila ettari di questo territorio mitico, dal quale provengono i più importanti vini botritizzati del mondo.

Furmint, Hárslevelű, Sárgamuskotály ed altre uve bianche coltivate su terre e rocce vulcaniche ricche di minerali ed un microclima unico donano ai Tokaji Aszú potenza e longevità difficilmente uguagliabili.

Per la prima volta in Italia un'imperdibile verticale di otto annate del Tokaji Aszú 6 puttonyos prodotto da Disznókő.
Oggi di proprietà francese (AXA Millésimes) questa bella ed estesa tenuta, è stata creata attorno ad una delle vigne classificate Grand Cru già nel 1720.

I suoi vini sono soprattutto sinonimo di personalità unita a raffinata eleganza.
In un percorso a ritroso, partendo dal 2011, arriveremo all'incredibile Aszúesszencia prodotta nello storico millesimo del 1993, con la particolarità di alcune espressioni monovarietali.

A raccontare il territorio, la Tenuta, le annate e a condurre le degustazioni saranno Làszló Mészàros Direttore Generale di Disznókő e Mariano Francesconi uno dei maggiori conoscitori del territorio.

 

In degustazione:
Tokaji Aszú 6 puttonyos Kapi 2011 (Furmint 100%)
Tokaji Aszú 6 puttonyos 2006 ​
Tokaji Aszú 6 puttonyos Kapi 2005​ (Furmint 100%)
Tokaji Aszú 6 puttonyos Hetedik ​2002 (Zéta 100%)
​Tokaji Aszú 6 puttonyos ​2002​
Tokaji Aszú 6 puttonyos 2000​
Tokaji Aszú 6 puttonyos 1999​
Tokaji Aszú 6 puttonyos​ 1997​
​Tokaji Aszúesszenc​ia 1993

 

Sabato 14 novembre 2015, ore 18:00
The Westin Palace Hotel - Sala Masaccio

Quota di partecipazione: 50 €
Apertura prenotazioni: 10 ottobre 2015

Per prenotare è necessario registrarsi sul sito, dal 10 ottobre, accedendo dal menù "Login" e poi andare sulla pagina "Prenotazioni" per riservare il posto utilizzando il sistema di prenotazioni on-line
L'evento è riservato ai soci AIS in regola con la quota associativa 2015

Web Analytics